Tu sei qui

Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 ha introdotto la responsabilità amministrativa derivante da reato degli enti, recependo e implementando la normativa comunitaria sulla lotta alla corruzione.

Superando il noto brocardo societas delinquere non potest il decreto prevede una vera forma di responsabilità in capo agli enti che coniuga gli aspetti essenziali del sistema penale con quelli del sistema amministrativo.

Affinchè il reato non venga imputato all'ente, è necessario che quest'ultimo dimostri di aver fatto tutto quanto in suo potere per prevenire, nell'esercizio dell'attività di impresa, la commissione di uno dei reati previsti dal Decreto. L'esclusione dalla responsabilità opera pertanto esclusivamente nell'ipotesi in cui l'ente possa dimostrare:

  • di aver adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi;
  • che il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli e di curare il loro aggiornamento è stato affidato ad un organismo dell'ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo;
  • che non vi sia stata omessa o insufficiente vigilanza da parte del predetto organismo.

L'esenzione da colpa della società dipendende quindi dall'adozione ed efficace attuazione di un Modello di prevenzione dei reati e dalla istituzione di un Organismo di Vigilanza sul Modello cui è assegnata la responsabilità di verificare la conformità delle attività agli standard e alle procedure definite nel modello.

Modello di organizzazione e gestione ex. Dlgs 231/01

L'organismo di vigilanza di A.M.E.S. S.p.A è stato nominato con determina dell'Amministratore Unico n. 03 del 18.07.2014 con il compito di vigilare sull'effettività del Modello. Ciascun dipendente e stakeholder è tenuto a segnalare le violazioni al Modello attraverso il seguente indirizzo di posta elettronica:

La Società si impegna ad adottare misure idonee a garantire la riservatezza dell'identità di chi trasmette informazioni all'Odv, purchè queste siano veritiere ed utili per identificare comportamenti difformi da quanto previsto nelle procedure del Modello. Saranno tuttavia opportunamente sanzionati comportamenti volti a rallentare l'attività dell'Odv. L'Organismo di Vigilanza si impegna comunque a garantire i segnalanti in buona fede contro qualsiasi forma di ritorsione, discriminazione o penalizzazione, e, in ogni caso, è assicurata la riservatezza dell'identità del segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge e la tutela dei diritti della Società o delle persone accusate erroneamente o in mala fede.

Contatti

Infoturni e Centralino
041 2967200


per Comunicazioni

segreteria@amesvenezia.it 
ames.pec@assofarm.postecert.it

per Farmacie

041 2967210

per Ristorazione

041 2967220
ristorazione@amesvenezia.it

per buoni pasto elettronici
infobuonipasto@amesvenezia.it